Archivio | settembre, 2011

L’odiosa morale fluorescente

13 Set

Hanno quattro zampe e miagolano, se potessero parlare gli chiederei a chi dovrebbe appartenere l’odiosa morale fluorescente del mondo: agli Animali, all’Uomo o a Dio?

 AUdiD – Animalista Uomo di Dio – a conoscenza delle mie doti di odio incondizionato verso ogni essere vivente (fisico o etereo che sia),  mi chiede un parere in questa intervista:

AUdiD: Ah, le nuove frontiere della scienza… leggi qui.
MoliCybe: Si, già visto questo articolo… non so che pensare, mi trovo abbastanza divisa, da una parte la cura per l’hiv dall’altra i gatti…
AUdiD: Qua dovrebbe intervenire la protezione animali! Se hanno preso il gene da un primate che ce l’aveva già e gli uomini sono più simili ai primati perché non fare su questi ultimi le ricerche?
MoliCybe: Beh, il tuo ragionamento non fa una piega.
AUdiD: Soprattutto che c’entra trasformare i gatti in animali al luminol?!
MoliCybe: Ehm… mi pare di capire sia stata una coseguenza della sperimentazione…
AUdiD:  Posso capire facciano tendenza… ma sono destinati ad essere per forza assoggettati all’uomo! La cosa bella dei gatti è proprio che signorilmente se ne infischiano del “padrone”!
MoliCybe: Beh, in parte sono d’accordo, insomma, credo comunque se si dispone di cavie umane volontarie sia più sensato condurre esperimenti su chi ne soffre direttamente dell’hiv, però non so bene alla fine come funziona tutto il processo di ricerca, perché i gatti e non i topi e perché mai prima gli uomini.
AUdiD: Ma ti dirò, se fossero pochi esemplari per una ricerca per l’hiv e basta ci potrei pure stare, ma è il creare una razza di gatti al luminol non mi piace proprio! Perché finita la ricerca quella razza è destinata a essere completamente dipendente dagli uomini!
MoliCybe: Beh… dopotutto non sono una razza naturale, è normale che siano attaccati al loro creatore.
AUdiD: Si, ma il cercare determinate doti in una razza con incroci è una cosa che si fa dai tempi di Mendel e anche prima! Il problema per me, ripeto, è che animali del genere sono destinati a non trovare una loro nicchia in natura. Sono ricercatori che si sono messi a giocare col lavoro di Dio!
MoliCybe: La mia concezione di Dio sai che è ben differente dalla tua, ma se anche l’uomo può creare, e a Dio non gli sta bene, allora doveva pensarci prima a creare qualcosa a sua immagine, somiglianza e con potere di creare a sua volta.

L’odio, appunto, mi sembra l’unica cosa che ci illumina:

L’odio è un sentimento umano che si esprime in una forte avversione o una profonda antipatia. Lo distingue da questi ultimi la volontà di distruggere l’oggetto odiato, e la percezione della sostanziale “giustizia” di questa distruzione: chi odia sente che è giusto, al di là di leggi e imperativi morali, distruggere ciò che odia. (cit. Wikipedia)

Quei gatti dovrebbero odiarci per averli creati per i nostri scopi, per lo stesso motivo noi uomini dovremmo odiare Dio… e sono sicura che anche Dio ci odia, altrimenti non avrebbe creato l’hiv. Nessuno di noi ha torto, ma sinceramente spero la spuntino i gatti illuminati e non.

Bastet, una delle più importanti e venerate divinità dell'antica religione egizia.

“un italiano medio del cazzo”

7 Set

Vorrei tanto sapere perché in questo paese la gente parla di politica solo quando uno chiaramente idiota dice una cazzata. (Cit.)

Allo stesso tavolo che ha visto la nascita di meritevoli citazioni come quella qui sopra oggi siede uno nuovo, uno che, a mio avviso, certe citazione deve ancora meritare di sentirle.

“Hai presente quando i ragazzini in bicicletta dicono all’amichetto accanto ‘guarda come sono bravo… senza mani!’?” – comincio io – “Ecco, a Roma chi guida e deve girare per uno svincolo poco ci manca che ti dica ‘guarda come sono bravo… senza freccia!'”, quello nuovo che mi sta di fronte mi guarda con aria tra lo stupito ed il beota e poi aggiunge con tono facilmente diplomatico con una punta di gagliardaggine indotta “Ah! Io sono talmente spavaldo quando guido, non è che ci faccio tanto caso se devo mettere la freccia!”.

Poco meno di 30° gradi all’aperto e dentro la stanza, attorno a quel tavolo, il gelo. Continuo “Beh, se ti incontro per la strada e mi giri davanti ti urlero ‘la freccia non è un optional  brutta testa di cazzo!'” – ed infierisco – “la stessa cosa faccio con i pedoni che non attraversano sulle strisce, il più delle volte accellero per fargli prendere paura che li metto sotto!” e ritorna la stessa espressione di prima ma più stupita e più beota, come se fossi un’aliena proveniente da Marte più che una persona civile capitata nel paese sbagliato, si rivolge alla collega seduta alla sua destra e le chiede “Perché… tu attraversi sulle strisce?!” la risposta è affermativa, scontata direi.

“Perché… tu attraversi sulle strisce?!”, mi ripete incredulo, ed io: “Beh, se non servissero per attraversare non si chiamerebbero ‘strisce pedonali’ ma ‘decorazione del manto stradale’…”, lui ribatte convinto: “Dai! Non lo fa nessuno! E’ impensabile cercare le strisce pedonali prima di attraversare!”. La sentenza mi è uscita dalla bocca passando prima per il divino (che ho pesantemente offeso), come lo sputo a terra di un romeno ubriaco ed incazzato: “Sei un italiano medio del cazzo!” e poi ho cominciato a ridere.

La risata ha un grande potere, permette agli idioti di non afferrare quanto seria sia la cosa che gli stai dicendo, così continuo: “Magari adesso mi vieni a dire che voti Berlusconi, qui i propositi ci sono tutti!”, alza le mani per discolparsi come se l’avessi accusato ingiustamente di qualche atto terribile! Bart Simpson se la sarebbe cavata egregiamente con un semplice Non sono stato io! ma lui se ne esce con una pensata molto migliore “No, sono apolitico!”… beh, chapeau!

Adesso mi sento in colpa, non per l’espressione del mio modesto pensiero con termini tutt’altro che delicati! Mi sento in colpa per aver sprecato il fiato con un italiano medio del cazzo che prende le mie parole come un’offesa invece che come una triste verità di cui pentirsi.

(Totally True!)

Un mostro dentro

2 Set

In prossimità dell’autunno, quando Madre Natura cerca riposo, si svegliano le madri degli uomini con i loro diritti di metter bocca su tutto… come se la sapienza assoluta venisse dalla pancia.

Ho aperto un blog dedicato alle mamme, vieni a dire la tua? Puoi raccontare anche il tuo punto di vista come figlio.

Mi saranno arrivate almeno 10 richieste di questo tipo nelle ultime due settimane…  ma io non voglio figli, ho un mostro dentro. Se poi cambiassi idea per nove mesi mi sentirei comunque con un mostro dentro che esce, cresce, si espande, mi assorbe, e mi sentirei un mostro dentro nel non voler perdere i miei spazi.

Mi nego il diritto di essere madre, allora mi viene tolto il diritto di essere donna! Lo vedo dagli sguardi della gente che si ovviano nel loro pensiero uterino… chiedereste mai di correre ad una persona che per volonta propria si è tagliata via le gambe? L’incredulità sociale di fronte a certe scelte è la prima cosa che mi mutila.

Madri frustrate ed irresponsabili: quell’essere meraviglioso che stringono tra le braccia è la loro prima rivalsa sulla vita che non sono riuscite ad avere.

  • Da 0 a 12: promettigli il mondo e perdonagli tutto, è solo un bambino!
  • Da 13 a 21: lasci calpestare la vita, deve fare esperienze!
  • Da 21 a 30: non ha più bisogno di una madre, ormai è adulto!

Adesso sai che ti dico cara madre: Perché in questo mio misero percorso non ti sei mai presa la briga di accompagnarmi? Perché esiste solo quello che è giusto e quello che è sbagliato e non conta mai ciò che è diverso? Eppure ciò che mi frena è che sono sicura di riuscire a fare come te, ma non meglio! E ti odio per questo…

Ci sono molte persone che ritengo indegne del mondo ed il fatto che si siano riprodotte a propria immagine somiglianza mi infastidisce. Ora voi fate altrettanto, ritenetemi indegna a causa dell’odio che metto nei miei pensieri, ma dovreste ringraziarmi del non voler riprodurre il mostro che ho dentro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: